top of page

The Dreamers

Dreamers in time of abandonment

Curated by Matteo Galbiati

With an interview by Federico Sardella

Supported by:

Schermata 2020-02-18 alle 17.45.59.png
Schermata 2020-02-18 alle 17.45.18.png

July 15th / November 30th 2020

 

Photography section EXTENDED

Until June 30th 2021

Vento & Associati's space

Fabbrica del Vapore 

via Procaccini

Milan

The exhibition got the Patrocinio of the Comune of Milano with the prestigious contribution of Cariplo foundation, it comprehends two sections: photography & installations.

 

The "photography section" includes numerous photographs of big and small dimensions, selected from the series The Dreamers a project born in 2013 which finds in “disorientation” the common denominator of the production. The shots are  dedicated to the industrial abandoned places, ex imposing factories, once flagship of the Italian production, other than suddenly abandoned asylums due to Basaglia law in 1978.

 

In the "installations" section the artist reconstruct an immersive experience dedicated to the ex asylums with archive documents and artworks, with strong emotional impact, from the series Thishumanidentity.

 

(original Italian interview)

"La Izzo dimostra con questa mostra la capacità di costruire una dimensione parallela della realtà, attraverso una sua visione trasfigurata ed enigmatica, che si impone al pubblico destabilizzandolo nella comprensione immediata di quanto osservato e obbligandolo a cercare nuove chiavi di lettura per interpretare altre significazioni che le opere determinano.  Donatella Izzo utilizza soggetti o oggetti protagonisti come metafora capace di attivare quel cortocircuito percettivo che guida lo spettatore a piccoli, ma profondi, salti nel subconscio, costringendolo a scavare nell’Io più profondo e nella memoria personale, alla ricerca di un nuovo equilibrio sensoriale rispetto a quanto osserva.

Così come in un sogno realtà e finzione si mischiano e si confondono: negli scatti le prospettive sono impercettibilmente deformate così come corpi ed oggetti. Con questo processo onirico si attivano universi paralleli dove la combinazione degli opposti - di reale e surreale, di razionale e sensoriale ma soprattutto di sacro e profano - suscita emozioni contrastanti e forti, disturbanti e distraenti, densi di interrogativi, ma dove resta vivo e tangibile il senso di spiritualità, sempre accompagnato dalla sua fiduciosa speranza" 

Schermata 2021-02-11 alle 15.47.43.png
Donatella Izzo, I followed you home 2015
Donatella Izzo,Venus, 2019 stampa giclèe

"La mia azione di appropriazione implica anche un aspetto di denuncia nei confronti di un sistema… denuncia e ribellione. Spesso ci si trova a confrontarsi e a scontrarsi, ancora oggi, con credenze, superstizioni, preconcetti, leggende che vengono tramandate e influenzano notevolmente le nostre esistenze. Ci si trova ad avere a che fare con religioni che non sono a misura d’uomo. Si vive entro recinti che sono stati tracciati malamente e che non nutrono le nostre anime. Si viene catalogati, etichettati e schedati, e nella migliore delle ipotesi queste etichette che ci vengono appiccicate addosso riguardano solo la nostra superficie, un’epidermide che è letta e scandagliata da chi, non sempre peraltro, è in grado di farlo" Donatella Izzo 

Da un'intervista di Federico Sardella

schema di casa prodotta da un nevrotico
bottom of page